Wednesday, May. 22, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 13 Giu 2017

|

 

MTT Analysis – Top reg bet/folda full house al river

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

MTT Analysis – Top reg bet/folda full house al river

Area

Vuoi approfondire?

Andiamo oggi ad analizzare una mano che ha visto una azione incredibile da parte di uno dei più forti regular italiani di tornei che però ha voluto mantenere l’anonimato, cercando di capire i motivi che lo possono aver indotto a questa scelta.

Ecco la mano, giocata nel middle stage del 3-stack da 10€ di buy-in che parte alle 22.20 su PokerStars.

Su bui 75/150 un giocatore straightforward apre JQ 360 da cutoff, chiamano il top reg con TT da small blind e il giocatore su big blind.

Flop Q T J

Top reg check, bb check, player straightforward bet 585, call, call

Turn J

Top reg leada 1.666, bb fold, player straightforward call

River 5

Top reg betta 5.150 restando con 6.529 dietro, il player straightforward pusha 12.344, fold

Come vedremo, in questa mano è fondamentale l’history: in fase di review, infatti, il top reg mtt studia anche il gioco degli avversari in modo costante; e avendo lui un volume di mani significativo contro l’avversario straightforward, sa benissimo come gioca.

 

FLOP

Tra tutte è la strada più standard: il top reg trova bottom set e dopo la cbet dell’aggressore si limita al call in 3way. Un raise qui non avrebbe troppo senso, sia per il board insidioso – su cui gli avversari possono aver già chiuso scala, o avere monster draw con incredibile equity – sia per non far foldare quell’ampio ventaglio di mani che stanno sotto al suo bottom set e che sono disposte a pagare per seguire l’azione nelle strade successive.

TURN

Al turn il top reg chiude full di Dieci con Jack ed esce con una bet che mira soprattutto a prendere valore e a scongiurare l’ipotesi di un triplo check. Dopo l’azione al flop, del resto, questo J chiude tanti draw rendendo assai probabile che almeno uno dei due avversari prosegua. E infatti, dopo il fold del grande buio, il giocatore straightforward chiama: agli occhi del top reg il suo range è qui composto essenzialmente da colori e scale, full, due combo che gli possono dare scala colore (K9 e 89) e la monocombo AK per la scala reale.

RIVER

Questa strada è la chiave di volta dell’incredibile full foldato. Tutto ruota intorno alla size scelta dal top reg: puntando 5.150 su pot di 6.257, per restare con 6.529 chips dietro, tutto lascerebbe credere che di fatto si sia ormai committato al pot e dunque non lascerà più il colpo. Tanto più che quando l’avversario pusha deve mettere le ultime 6500 chips su un piatto che è già di 23.751, ricevendo odds del 21% per chiamare. Ma il top regular sa che dopo essersi committato l’avversario straightforward non pusherà mai da peggio: dopo aver bettato, per raggiungere il breakeven point, deve chiamare il push avversario da buono una volta su 5. Ma a fronte di questa action ultrastrong il giocatore straightforward non girerà mai una scala o un colore: qui il suo range è ristretto a QQ-QJ-JT per l’overfull, la monocombo di Jack per il poker o una delle tre combo che su questo board hanno legato Scala Colore / Reale. Per il top reg un very nice fold, specie agli occhi di noi comuni mortali!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari