Wednesday, Sep. 28, 2022

Poker Online

Scritto da:

|

il 25 Giu 2016

|

 

Cash Game Analysis – Una mano giocata da Luca “PervisPaske” Paschetta

Cash Game Analysis – Una mano giocata da Luca “PervisPaske” Paschetta

Area

Vuoi approfondire?

Torna la nostra rubrica dedicata al cash game con uno spot giocato da uno dei massimi esponenti della specialità. L’ex Supernova Elite Luca “PervisPaske” Paschetta ci ha regalato questa chicca ad un tavolo 6-max 1-2€.

Visualizziamo lo spot con l’ausilio del boom replayer e proviamo a decriptare il thinking process che ha indotto il piemontese a tenere questa condotta.

Preflop tutto abbastanza standard: dopo il fold generale, Luca (stack 200€) apre a 5.20€ da small blind con QJ. Chiama big blind.

Flop: 9AA.

Luca opta per una c-bet half pot, oppo chiama. La bet su questa texture è piuttosto standard: tantissime volte il nostro avversario deciderà di abbandonare la mano. Inoltre, Luca gode di un doppio backdoor (straigt e flush draw) che potrebbe rivelarsi interessante nel prosieguo dello spot. Il range di big blind può già essere ristretto ad A-x, 9-x, pocket pair, K high. Davvero improbabile stia floatando su pot di questa entità e su questo genere di flop.

Turn: 6.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ecco che si apre uno dei famosi backdoor! Luca continua dunque nella sua azione aggressiva puntando 12€ su pot da 19€. Big blind chiama ancora. A questo punto il suo range si restringe ulteriormente: restano in gioco i vari 9-x e pocketpair, ma diventa sempre più concreta l’ipotesi possa avere qualche A-x (presumibilmente debole visto il semplice flat pre).

River: K.

Pur avendo bucato il suo progetto, Luca decide di sparare la terza: 34€ su pot da 42€. Big blind rilancia a 84€. Ok, mano finita e gg… giusto? E invece no. Luca decide di tribet-shovare 177.79€! Follia? Incoscienza? No. Semplicemente questione di range. Il rilancio al river del big blind sembra spaventosamente sbilanciato sul vero, ma qualora avesse avuto un semplice A-x avrebbe (avrebbe dovuto!) limitarsi al call proprio per evitare una situazione del genere. Big blind potrebbe avere mani come A-6, A-9, 9-9, 6-6 – che in una dinamica bvb verso un reg come Luca sarebbero sempre un call allo shove – ma non avrà quasi mai A-A, A-K, K-K, combo pienamente presenti nel range di “PervisPaske”!

Purtroppo non sapremo mai se oppo fosse in bluff (doppio floating? 6-9 turnati in bluff?) o abbia realmente raise foldato un A-x, fatto sta che Paschetta riesce ad assicurarsi il pot… con Q high!

Che ne pensate della sua condotta? Diteci la vostra sulla pagina Facebook di italiapokerclub!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari