Friday, Sep. 25, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 12 Mag 2016

|

 

Daniel Cates a tutto campo: “La GPL mi rilassa dopo le partite high stakes, Polk ha ragione sui torneisti”

Daniel Cates a tutto campo: “La GPL mi rilassa dopo le partite high stakes, Polk ha ragione sui torneisti”

Area

Vuoi approfondire?

In una lunga chiacchierata, durata ben due ore, Daniel ‘Jungleman’ Cates ha raccontato un po’ di tutto questa settimana allo youtuber Joe Ingram, toccando diversi temi interessanti.

Cates lunedì scorso si è chiaramente collegato con Ingram da una cucina. Sullo sfondo dietro a lui (cliccate il video in fondo al nostro articolo) si vedono infatti delle piastrelle un po’ tristi. Daniel ha spiegato dove si trovava: “Sono in Slovenia, sto giocando i tornei SCOOP di PokerStars“.

L’americano Cates non è l’unico ad aver scelto quella destinazione per grindere i ricchi tornei online. Anche molti italiani si sono trasferiti oltre il confine con ottimi risultati, come dimostra il recente shippo di Erion Islamay.

Jungleman ultimamente sembra davvero molto impegnato online. Date un’occhiata a tal proposito ai recenti report high stakes che lo segnalano tra i più vincenti.

Cates conferma a Ingram: “Sto giocando davvero di tutto. Mi diletto in molte varianti e sono sempre alla ricerca del gioco dove le skill contano di più“. Non dimentichiamo che nel ricco menù di Dan c’è anche la GPL, dove si è fatto parecchio notare anche se non sempre i suoi risultati sono stati eccellenti.

A proposito Cates dice: “La GPL mi rilassa dai miei soliti impegni. La gente critica certe mie giocate ma è ridicolo. Sono abituato a giocare partite cash high stakes e lì c’è poco da commentare, contano solo le vincite. Comunque non si può giudicare un giocatore da poche mani“.

Su questo tema Dan Cates insiste parecchio, sostenendo che la maggior parte dei pokeristi pensa di poter giudicare gli altri facilmente: “Se vedi uno giocare 20 mani live in 1 ora non puoi aver capito nulla di lui. Neanche 50 mani bastano. Ce ne vogliono migliaia e migliaia“.

Cates torna anche sul presunto flame con Randy ‘nanonoko’ Lew alla GPL facendo capire però che i due stavano solo scherzando. Si sofferma inoltre a commentare un paio di errori che ha fatto ai tavoli online della Global Poker League.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dan Cates riguardo alla GPL ci dà anche una notizia fresca fresca: “Giocherò questa estate a Las Vegas gli heads-up live della GPL. Non ho visto bene i programmi e i dettagli ma ci sarò“.

Ingram e Cates si mettono poi a discutere di scammers e spunta il nome di Tom Dwan, che secondo Cates non è più impegnato a grindare in Asia: “Al momento è in New Jersey perché il padre ha dei problemi di salute”.

Infine c’è spazio per un commento alle recenti parole di Doug Polk che proprio con Joe Ingram ha sparato a zero sui torneisti come il nosto Mustapha Kanit. Cates dà ragione a Polk: “Il vero poker è il cash game, però devo dire che i torneisti sono i più bravi ad adattarsi ai tavoli e agli avversari“.

Se avete un paio d’ore libere, ecco l’intervista integrale di Ingram a Daniel Cates. Enjoy!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari