Tuesday, Nov. 30, 2021

Strategia

Scritto da:

|

il 19 Gen 2014

|

 

Thinking process – Luigi Curcio e il sick bluff ad Andrea Dato all’IPT Nova Gorica

Thinking process – Luigi Curcio e il sick bluff ad Andrea Dato all’IPT Nova Gorica

Area

Vuoi approfondire?

Trasformare il proprio valore in bluff overpushando river?

Italiapokerclub svela i thinking process dei protagonisti del tavolo verde!

Dopo avervi raccontato il nice fold di Luca Moschitta al main WSOP e l’herocall di Giuliano Bendinelli a un side EPT, quest’oggi ci concentriamo su una mano fresca fresca, giocata appena due giorni fa in quel di Nova Gorica durante il day 1B dell’IPT Accumulator.

Luigi Curcio, noto su Pokerstars con il nickname “incognita93“, affronta in questo spot il player romano Andrea Dato.

Ecco la mano che tanto ha fatto discutere i nostri fan Facebook, raccontata da Luigi:

 tp-curcio-MANO

 

Ora, il thinking process:


PREFLOP

Dopo la sua apertura standard da middle, mi ritrovo con A Q da bottone. Ovviamente è una starting hand molto forte quindi talvolta potrei anche tribettare però preferisco fare solo call: giocherò il colpo in posizione e, avendo un range di flat molto largo, maschero la forza della mia mano.

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

FLOP

L’action al flop è davvero standard: lui c-betta 1.200 ed io, in linea con la scelta fatta pre-flop, decido di chiamare e basta, continuando ad “under-rappare” (sotto-rappresentare) il valore della mia mano.

 

TURN

Al turn lui fa check e a questo punto provo a estrarre un po’ di valore: penso di avere la mano migliore e allo stesso tempo, considerando la mia condotta fino a questo punto della mano, credo mi possa chiamare con tante mani peggiori: un K, un A più debole o alcuni progetti.

 

RIVER

Al river esce il 3 che chiude colore e Andrea punta “close to pot”, una size molto vicina all’importo del piatto. A questo punto sono convinto abbia davvero una mano molto forte: secondo me ha spesso set, ma ancor più spesso ha chiuso colore. Però io ho quel bell’A che blockera il nut flush: per questo, conoscendo il livello di pensiero di Andrea, decido di (over)pushare, trasformando il mio (piccolo) valore in bluff puro. Mettendole tutte dentro mi polarizzo a mia volta: o ho davvero il nuts o solamente il blocker. Avessi avuto 10J o qualsiasi altro flush, non sarei mai andato all-in al river, mi sarei limitato a chiamare. Lui non aveva molte info su di me quindi non si aspettava questa giocata. Dopo una lunga pensata, alla fine ha deciso di passare e non biasimo affatto la sua scelta. Il 99% dei regular italiani lì ha davvero sempre e solo nuts. Questa action posso farla contro 4/5 giocatori in Italia, non di più. Contro tutto il resto del field per me sarebbe stato un easy fold

 

Sorpresi dai ragionamenti di Luigi? Commenta la mano sulla nostra pagina Facebook!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari