Sunday, Nov. 27, 2022

Strategia

Scritto da:

|

il 13 Mag 2022

|

 

Come ha pensato Mustapha Kanit per un bluff creativo al 2.500$ WSOP

Come ha pensato Mustapha Kanit per un bluff creativo al 2.500$ WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Entrare nella testa di un super professionista per capire il processo di pensiero da cui scaturisce un bluff vincente e al tempo stesso creativo.

In un video di Winamax, la room francese di cui è team-pro, Mustapha Kanit ha spiegato il processo di pensiero che gli ha permesso di raccogliere le chips dal tavolo, con il nulla cosmico in mano, al Freezeout WSOP da 2.500$ di buy-in giocato lo scorso ottobre al Rio di Las Vegas.

Prendete appunti perché qui c’è da imparare

 

La mano

Blinds 200/400 con bb ante. In unopened Musta apre 1.000 da bottone, chiama big blind.

Flop 283, big blind leada 1.000, call.

Turn 2 big blind bet 3.000, call.

River 7 oppo bet 3.000 su pot di 10.600, Musta rilancia a 30k mettendolo di fatto all-in. Oppo folda.

Ecco la grafica che riassume tutta la action della mano in un colpo d’0cchio:

mani-poker-IPC-KANIT-AMATORE

clicca per ingrandire

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ed ecco…

 

Il processo di pensiero di Kanit

Il giocatore su grande buio mi sembra un amatore come prima sensazione. Credo sia israeliano. Al flop, sul suo lead-out, non credo di foldare K-9, credo che andrò in float perché posso vincere spesso nelle strade successive e l’avversario potrebbe aver leadato anche qualche mano peggiore della mia.

Quando punta di nuovo al turn, a essere onesti, non gli credo. Forse è il caso di rilanciare, oppure posso limitarmi al call e provare a bluffare il river. Questa è una di quelle situazioni in cui ho un vantaggio di range, ma le mie carte non contano poi così tanto vista la dinamica.

Al river batto ancora qualche combo di 4-5, 5-6… Non ho nulla a fiori, e sarebbe stato bello, ma non penso che lui abbia così tanti colori. Dopo aver floatato il turn credo che al river devo sparare a tavoletta e andare in raise.

La mia mano è troppo debole per chiamare, se avessi un 8 o un 3 chiamerei. Lo metto all-in visto che lui è rimasto abbastanza short. Penso che la mia mano abbia senso, non dovrei avere molti bluff ‘naturali’ qui. A volte vado a sensazione: floato flop, floato turn e poi cerco di prendere il pot al river.

Lui mette sotto, buona mano Mustapha! C’è un lato creativo nel poker: di solito in queste situazioni foldo al turn, ma in questa specifica mano sentivo di avere tanto margine.

 

Come ha pensato…

Un riassunto delle puntate precedenti:

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari