Wednesday, Oct. 21, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 17 Lug 2019

|

 

Le critiche di Hellmuth a Sammartino: lo definisce una calling station in heads up

Le critiche di Hellmuth a Sammartino: lo definisce una calling station in heads up

Area

Vuoi approfondire?

In diversi momenti critici dei giorni scorsi, solo i più ottimisti potevano sperare di vedere poi Dario Sammartino all’heads up finale del Main Event WSOP.

Pensate a quando Dario era corto a 100 left. O a quando si ripresentava in fondo al count a inizio Day 9 e inizio Day 10. Eppure nelle fasi più calde il nostro Dario ha resistito ed è arrivato a giocarsi il braccialetto più ambito.

L’esaltazione dei pokeristi italiani ha raggiunto i massimi livelli durante alcune fasi a tre left e nel testa-a-testa decisivo, perché finalmente il nostro Dario poteva contare su uno stack profondo. Dario è stato anche chip leader stanotte al Rio di Las Vegas e tutti noi speravamo concretamente, a quel punto, di vederlo diventare campione del mondo.

Le cose però non sono andate come volevamo nel duello contro Hossein Ensan. Il tedesco di origini iraniane si è dimostrato un player astuto e navigato, con la dea bendata dalla sua parte.

In tanti piccoli pot Ensan ha legato il board, mentre il nostro Sammartino si è dovuto spesso inventare delle chiamate al limite per provare a fare un po’ di chips.

Qualcuno ha riconosciuto a Dario che non poteva fare molto per ribaltare il trend. Altri sono stati più duri con l’italiano e lo hanno criticato per come ha giocato le mani più importanti della sua carriera.

In una pausa dell’heads up, in particolare, su ESPN è stato alquanto critico il duo di commento composto da Maria Ho e Phil Hellmuth.

Ecco cosa ha detto Maria: “Abbiamo visto molti river in questo heads up. Vuol dire che i giocatori vogliono davvero darsi battaglia e sono abbastanza onesti. Non stanno bluffando“.

Hellmuth è entrato a gamba tesa: “Concordo. In diverse mani mi è piaciuto molto Ensan quando ha puntato su tutte le strade mentre non mi è piaciuto affatto Sammartino che non voleva mollare dei punti modesti. L’italiano è diventato una calling station in pratica. E contro avversari così è facile fare chips. Basta sparare ogni volta che si lega top pair o punti più alti“.

Quando ancora non si conosceva l’esito finale del Main, il critico Hellmuth ha aggiunto: “Dario aspettare mani migliori e cominciare a chiamare un po’ meno con bottom e middle pair. Il suo avversario gioca con un range più strong. Il poker è un gioco, specialmente in heads-up, dove adattarsi all’avversario è la chiave per vincere. Magari un po’ di fantasia in più in certe circostanze non guasterebbe“.

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

L’epilogo del Main Event WSOP (©Jamie Thomson for PokerNews)

 

Diciamo che alla fine Dario ha provato a inventare qualcosina, attendendo il turn nell’ultimissima mano per pushare con un draw di colore e di scala. Purtroppo per lui si è scontrato contro due kapponi… Curiosità: il Main delle WSOP non era mai terminato prima con K-K o A-A in mano al vincitore!

Sui social ovviamente i commenti si sono sprecati. In molti hanno colto della stanchezza sul volto di Sammartino. Qualcuno ha scritto: “Non ha la faccia del killer“.

Qualcuno poi dà la colpa del crollo finale al rail italiano che è stato molto rumoroso. Ma non avrebbe dovuto disturbare l’avversario tedesco? Proveremo a interpellare gli interessati, ma sarebbe davvero una beffa se il tifo italiano si fosse rivelato controproducente in un momento così importante…

 

La mano finale del Main Event WSOP

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari