Tuesday, Jul. 5, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 29 Ott 2014

|

 

Altri guai in vista per Phil Ivey: anche il Borgata lo cita in giudizio per edge sorting, vuole 10 milioni!

Altri guai in vista per Phil Ivey: anche il Borgata lo cita in giudizio per edge sorting, vuole 10 milioni!

Area

Phil Ivey ha di recente assistito a una svolta sul piano personale, visto che è stata ufficializzata la chiusura della sua poker room.

Ma la sensazione è che il “Tiger Woods del poker” potrebbe tornare ad avere presto dei guai con la giustizia. Stavolta degli Stati Uniti.

Una ventina di giorni dopo la conclusione del processo che lo vedeva protagonista contro i vertici del Crockfords Casino di Londra, concluso con una condanna per una cifra superiore ai 7 milioni di dollari per aver praticato l’edge sorting durante una partita di baccarat particolarmente ricca, per Ivey appare assai vicino il confronto in tribunale con un’altra istituzione del gioco d’azzardo.

Stando alle notizie che arrivano dall’altra sponda dell’Oceano, infatti, i vertici del Borgata Casino sono pronti a citare in giudizio Phil Ivey e a chiedere un risarcimento di ben 9 milioni e 600mila dollari per un fenomeno simile a quello avvenuto al Crockfords sempre durante una partita di baccarat, in cui il giocatore di Riverside sarebbe riuscito a far saltare spesso il banco.

Secondo l’accusa Ivey sarebbe stato affiancato da un “padrino”, che risponde al nome di Cheung Yin Sun, con il quale si sarebbe messo d’accordo per distrarre gli altri giocatori e il croupier sfoggiando un cappello “fortunato”, e approfittando del clima goliardico avrebbe potuto mettere in pratica la tecnica dell’edge sorting vincendo così una grande quantità di denaro.

Dopo la conclusione della partita, Ivey avrebbe regolarmente ricevuto il pagamento della somma vinta al Borgata.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Questo fatto potrebbe dare a Phil un bel vantaggio in sede processuale, visto che nel processo contro Crockfords uno dei fattori decisivi per i giudici è stato proprio il mancato pagamento della vincita sul momento a Ivey.

Tuttavia, l’evidenza del tentativo di truffa da parte di Ivey, evidenziato da uno degli funzionari presenti al Borgata durante la partita, potrebbe essere un colpo clamoroso nei confronti di Phil, il quale potrebbe essere costretto a versare quasi 10 milioni nelle casse del Casinò se non dovesse trovare una contromisura per dimostrare la propria innocenza.

 

Foto di Futura Tittaferrante

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari