Sunday, Jul. 3, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 29 Giu 2015

|

 

The King back in Vegas: Phil Ivey e l’ingresso in scena per l’High Roller for One Drop

The King back in Vegas: Phil Ivey e l’ingresso in scena per l’High Roller for One Drop

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Con l’High Roller for One Drop da $111.111, sfortunatamente da dimenticare per i nostri azzurri, avviene finalmente l’atteso ritorno del Tiger Woods del Poker Phil Ivey, che lontano dai palcoscenici da lungo tempo sceglie proprio questo torneo d’elite per inserirsi nelle liste delle WSOP 2015.

Alcuni giorni fa, il suo amico e CEO di Ivey Poker Dan Fleyshman, ha rivelato che Phil sarebbe dovuto atterrare a Vegas il 21 giugno in concomitanza con il $50.000 Poker Player Championship, e che nonostante l’assenza la sua voglia di conquistare braccialetti non è mai svanita nel tempo.

Il giorno di arrivo è sbagliato, ma il resto del discorso viene confermato dal dieci volte campione del mondo, che racconta al portale pokernews.com:

“Certo che mi importa dei braccialetti! Però sai, ci sono altre partite in altre parti del mondo… e il dovere chiama!” 

Con grande probabilità Phil si riferisce alle partite cash high stakes di Macao, a quanto si dice tra le più profittevoli al mondo e che da sempre chiamano squali come Ivey, Alec Torelli o Tom Dwan a dare la caccia ai fish pieni di soldi

In effetti per un giocatore del suo calibro giocare un evento da $5.000 è quasi una perdita di tempo, di gran lunga dal guadagno atteso molto minore rispetto alle partite giocate in oriente.

Stando a quanto racconta Phil, la sua caccia assidua ai braccialetti in eventi minori degli anni passati, era data soprattutto dalle side bet che spesso costituivano il vero guadagno a cui No Home Jerome puntava:

“Giocherò questo torneo (il One Drop, dal quale verrà purtroppo eliminato ndr), giocherò un po’ di cash game, dipende. Era molto più facile quando c’erano le scommesse sui miei braccialetti, era molto più motivante per sedersi a tornei da $1.000 o $1.500. Quando punti a vincere una scommessa è tutto più facile.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ovviamente il discorso comincia a cambiare quando si parla di High Roller o tornei da buy in importanti, che Ivey deve cercare di sfruttare per superare il record di Hellmuth. Infatti per quanto Phil ci possa tenere, se lo stake si fa un po’ più basso preferisce ascoltare il richiamo delle partite più profittevoli:

“Mi piacerebbe raggiungere Hellmuth se il tempo lo permette, se la mia schedule lo permette. Se trovo un tavolo cash importante all’Aria, al Bellagio o da qualsiasi parte durante un torneo più piccolo sicuramente scelgo di giocare cash. È quello che ho sempre fatto tranne negli anni in cui avevo delle grandi bet sui miei braccialetti, ma quel genere di action si è spenta ora.”

E giunge il momento dei saluti. Ivey conferma la sua presenza al $500.000 Super High Roller Bowl e ad alcuni eventi di queste WSOP, e sembra intenzionato come sempre a giocare il suo miglior poker:

“Guarda, giocherò più tornei possibile e li giocherò nella maniera migliore possibile. Alla fine tutto si riduce a questo no?”

 

Diteci cosa vi aspettate da King Phil in queste WSOP sulla nostra pagina evento di facebook!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari