Thursday, Dec. 3, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 29 Gen 2015

|

 

TP doppio: Yohan Guilbert pusha river, Andrea Crobu folda full!

TP doppio: Yohan Guilbert pusha river, Andrea Crobu folda full!

Area

Vuoi approfondire?

Poche settimane fa nella nostra rubrica “Cash Game Analysis” abbiamo analizzato un curioso spot giocato da Johan “Yoh.Viral.Fr” Guilbert in un tavolo Zoom di Pokerstars.it.

La mano ha fatto parecchio discutere, e dopo aver scoperto alcuni retroscena, abbiamo deciso di approfondirla grazie alle parole del diretto interessato.

Come scritto in quell’articolo, l’action lasciava presumere un’incisiva history tra i due giocatori. Yohan ci conferma quanto supposto:

“Nello spot il mio avversario è Andrea ‘ANTIREGS87’ Crobu, conosciuto player heads-up nonché un amico che stimo molto come giocatore. Con lui ho giocato davvero tante volte: proprio per questo al river ho deciso di optare per quella mossa!

Ma andiamo con ordine. Intanto ecco la mano:

mano-crobu-gilbert

 

 

Ed ecco il thinking process dell’ex concorrente de “La Maison Du Bluff”.

PREFLOP

Decido di non 3bettare vs range di bottone per deception, nascondendo una starting hand molto forte e avere delle top pair forti dopo il flop anche nei piatti ‘single raised’.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

FLOP

Al flop cheko per far c-bettare Andrea che dovrebbe puntare con tutto il suo range di Ax, set, doppie e aria perché si tratta di un flop con due high card come Asso e Kappa che avvantaggiano indubbiamente l’original raiser. Sorprendentemente checka dietro. A quel punto penso abbia già una sorta di showdown value, spesso K-x, ogni tanto Asso small kicker e qualche pocket paires (le piu basse le cbetta spesso perché diventano complicate da giocare checkando dietro e poi supportare uno o due barell da parte mia).

TURN

In linea con il ragionamento fatto flop, checko nuovamente continuando a nascondere per la terza volta la forza della mia mano, inducendolo a puntare quel suo presunto medio valore. Lui betta e a questo punto decido di raisare for value. Oggi (questa mano è di qualche tempo fa) sto usando molto più raramente questi check raise su board dry perché non posso bilanciarli con le draws. Lui flatta.

RIVER

River scende un 3 che fa splittare ogni Asso. A quel punto sono ancora spesso avanti. Penso che non foldi nessun Asso contro la mia linea e probabilmente nemmeno nessun kappa. Betto for value, anche se difficilmente riceverò il call da un K da un giocatore bravo come lui visto che sa che su quel river è difficilissimo bluffare per me. Però, visto che non penso di essere mai sotto (tranne 7-7 o A-7 che potrebbe aver giocato così) opta per una puntata pari alla metà del piatto. Con mia grande sorpresa Andrea decide di raisare. Penso stia provando a trasformare in bluff un A high per far foldare un split. Non può quasi mai avere un 3 perché lo avrebbe bettato flop cbettava visto che sarebbe stato difficile per lui giocare bottom pair su molti turn. Non ha nessuna combo di full per me tranne ogni tanto 7-7 ma penso che Andrea avrebbe c-bettato sia 77 che K-K, K-3 e A-3. Potrebbe aver checkato A-A ogni tanto ma si tratterebbe di una sola combo. Fatti questi ragionamenti decido di trasformare la mano in bluff 3bettando all-in. Reppo quasi solo 7-7 in value, ma dopo questa action ce l’ho davvero quasi sempre. Lui finisce per foldare una mano che ovviamente non pensavo aveva nel range di check-back flop. Potrebbe essere un buon fold sul lungo periodo!”

 

In un primo momento, nella nostra analisi avevamo presunto che l’avversario avesse potuto passare una mano come A-K. Andrea Crobu ha invece dichiarato di aver gettato nel muck un Full house, fornendo poi anche il replay della mano! 

Ecco il tp del sardo: “Apro da bottone con A-3 e difende dal bb Yoh, grande amico e ottimo player sensato. Su board AK3 checko dietro, un po’ per bilanciare le volte che checko giveuppando, un po’ per trappare lui turn, ad esempio raisandolo su sua donkbet giocando tricky la mano! Il turn 7 sembrerebbe una bianca però lui fa una cosa che non mi aspetto: non donka ma check/raisa. Qui molte volte può avere Ax che, date le dinamiche e l’history, ci sta farlo per valore con un Asso medio-forte che non 3-betta pre. Altre mani sono 7-7 o A-7, 3-3. A-A lo escludo dai miei blocker e K-K penso l’avrebbe 3bettata. A volte può avere qualche range di bluff quindi decido di flattare sia per tenere dentro i suoi A-x, sia per tenere dentro i bluff dato che non penso che river givuppi. Chiamo con l’intenzione di raisare river dato che son più combo che mi chiamano da dietro che da davanti! River 3 che chiude full per me però e una carta strana perché paira e il kicker K gioca. Lui betta half pot, diciamo una value per farmi bluffcatchare col K o un A o per farmi raisare eventuali floating in bluff al turn. A questo punto non posso far altro che raisare perché penso che vengo chiamato da tutti gli assi e non penso che se lui fosse bluff riuscirebbe a shovare. Dopo un tank di qualche secondo lui decide di andare all-in. Ai suoi occhi qui raiso o bluff o proprio full quindi penso che se avesse un A farebbe solamente call! Quindi qui l’unica mano che può giocare cosi è 7-7 o rarissimamente K-K. Non pensavo riuscisse a shovare una mano con valore di showdown su questo board dato che il mio range è polarizzato su air/nuts! Forse l’unico motivo del push è che per lui potevo raisare un A per non splittare dato che gioca kicker K, però è una opzione che ho escluso! Decido di passare la mano migliore… Bravo Yoh, nice hand!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari