Sunday, Aug. 18, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 30 Giu 2017

|

 

WSOP – Mohsin Charania completa la sua Triple Crown! Max Silver vince nel Limit

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP – Mohsin Charania completa la sua Triple Crown! Max Silver vince nel Limit

Area

Vuoi approfondire?

I poker pro salgono nuovamente in cattedra alle WSOP 2017!

Sono finiti in archivio tre eventi molto interessanti questa notte al Rio e i vincitori sono tutti dei professionisti affermati del poker.

Nessuno di loro era riuscito però prima di oggi a shippare un braccialetto delle World Series. Ora possono condividere questa gioia Chris Bolek, Mohsin Charania e il britannico Max Silver.

Date un’occhiata ai loro commenti a caldo. Bolek racconta di aver vinto grazie all’ottimismo mentre Silver festeggerà con la moglie incinta…

 

Event #50: $1,500 NL Hold’em BOUNTY

È servita una giornata aggiuntiva rispetto al programma originale per mettere fine all’evento BOUNTY da 1.927 entries.

Alla fine tra i cinque finalisti del Day 4 l’ha spuntata Chris Bolek, un pro 28enne della Florida che prima di questo braccialetto poteva già vantare un anello vinto al WSOP Circuit.

Bolek ha regolato Bryan Emory in heads up vincendo l’ultimissimo colpo con 8-8 in mano contro A-4 su un board 10-9-5-Q-2.

A caldo il vincitore ha dichiarato: “È surreale. Sono arrivato corto al final table dove volevo rimontare per darmi una concreta chance di vittoria.

La gente consiglia di visualizzare le vittorie ed è quello che ho fatto io stamattina. Mi sono concentrato sul giusto mindset e ho runnato bene. Tutto è andato perfettamente.

Il poker per me è una sfida personale. Non voglio attenzioni, voglio solo provare a me stesso che posso competere ad alti livelli“.

 

Event #52: $1,500 NL Hold’em

Non è andato oltre la 17esima posizione Jason Mercier, uno dei giocatori più attesi tra i 23 protagonisti del Day 3 di questo evento. Subito dopo di lui sono usciti Phil Collins (16°) e il tedesco Rainer Kempe (15°).

All’heads up finale sono arrivati due protagonisti del calibro di Mohsin Charania e Cary Katz! Charania si è presentato con 8,7 milioni di chips contro i 3 milioni di Katz.

Nello showdown conclusivo Katz ha pushato con KQ e Charania ha chiamato con AQ. Un board 9-9-2-10-2 ha fatto partire la festa tra i supporters di Charania, il quale incassa la bellezza di 364.438 dollari!

In questo modo Charania centra la sua personale Triple Crown live: dal vivo aveva vinto già l’EPT di Monte Carlo nel 2009 e il WPT nel 2014!

Charania è il sesto giocatore della storia capace di ultimare una simile impresa. Prima di lui c’erano riusciti solo Gavin Griffin, Roland De Wolfe, Jake Cody, Bertrand Grospelier e Davidi Kitai.

 

Event #53: $3,000 Limit Hold’em 6-Handed

Di cognome fa Argento ma questa volta per lui è arrivato l’oro alle WSOP. Il britannico Max Silver ha infatti dominato il tavolo finale dell’evento Limit 6-Handed mettendosi al polso il suo primo braccialetto in carriera!

Silver è un noto pro che nei tornei live ha vinto oltre 3 milioni, shippando in circuiti importanti EPT, UKIPT, WPT e Aria High Roller.

Ora per lui è arrivata la prima grande gioia al Rio, dopo un heads up vinto ai danni di Guowei Zhan. Nell’ultima mano i due sono finiti ai resti al turn su un board 5-8-J-4.

Zhang ha pushato con 8-3 e Silver ha chiamato con K-10. Un clamoroso K al river ha consegnato il pot nelle mani dell’inglese!

A caldo Silver ha detto: “Non riesco a descrivere quello che provo. È sempre stato il mio sogno vincere il braccialetto WSOP. In passato sono arrivato terzo, sesto, nono… È bello tornare a vincere qualcosa di grosso dopo tanto tempo.

Non sono un esperto di Limit, ma ho giocato decentemente e ne vado abbastanza fiero. Essere chip leader nel Limit non è così importante, perché si gioca con le carte e non con le chips, però ovviamente un po’ mi ha aiutato.

Dopo lo shippo ho subito chiamato mia moglie che si è messa a piangere. È incinta da sei mesi e quindi le sue emozioni sono amplificate, però credo che avrebbe pianto comunque.

Tra 12 ore ci rivedremo a metà strada; prenderemo entrambi un volo per New York. Poi tornerò qui alle WSOP tra cinque giorni“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari