Thursday, Jul. 25, 2024

Poker Live

Scritto da:

|

il 16 Nov 2016

|

 

Esfandiari e Polk analizzano un call con bottom pair di Vayo: “Avrebbe dovuto rilanciare al river”

Esfandiari e Polk analizzano un call con bottom pair di Vayo: “Avrebbe dovuto rilanciare al river”

Area

Vuoi approfondire?

Si sta beccando davvero una marea di critiche il runner-up del Main Event WSOP 2016.

Gordon Vayo con il suo curriculum si presentava al final table dei November Nine come uno dei più accreditati per la vittoria.

Nell’heads-up finale contro Qui Nguyen ha mostrato però un gioco troppo passivo e inconcludente. Ha sofferto tantissimo l’aggressività di Nguyen, player ferrato nel cash game.

Vayo si è fatto outplayare troppo facilmente in alcuni spot. In altri invece ha sbagliato chiamando quando non avrebbe dovuto…

Un chiaro esempio ce lo propone Doug Polk in uno dei suoi ottimi video di coaching. Ecco una mano delle fasi finali dell’heads-up Nguyen vs Vayo.

I bui sono 1.5/3M con ante 500k. Nguyen con 227.500.000 ha più del doppio delle chips di Vayo, fermo a 109.000.000 di stack.

Nguyen apre a 7.5M con J9 e Vayo chiama con A2. Pok approva: “Il raise di Nguyen è standard, Vayo può anche 3bettare ma con 35 bb non è il caso, si rischia di subire un all-in difficile poi da valutare“.

Il flop è 245. Vayo checka, Nguyen checka dietro. Polk dice: “Un flop così basso è sempre interessante, perché anche con delle semplici overcards puoi avere la possibilità di hittare una coppia forte entro il river.

Stavolta è Nguyen ad avere più opzioni. Con 3/5 di colore può anche cbettare, ma probabilmente vuole rallentare un po’ l’azione perché sta giocando aggressivamente e pensa di non essere credibile“.

Il turn è un J. Vayo checka ancora, Nguyen punta 11.5M e Vayo chiama. Polk sentenzia: “Il check/call di Vayo al turn è l’unica mossa da fare. Fai foldare l’avversario solo se è in bluff e non vogliamo questo“.

Il river è un 8. Vayo checka, Nguyen spara 17.5M… A questo punto il commentatore d’eccezione, Antonio Esfandiari, consiglia a Vayo di rilanciare per mettere in difficoltà l’avversario.

Secondo Esfandiari qui Nguyen può avere solo un jack e quindi sarebbe difficile per lui chiamare un raise. Polk concorda, ma si permette di dissentire totalmente quando Esfandiari dice: “Rilanciando Vayo rappresenterebbe scala con 6-7“.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Polk spiega: “Con 6-7 al turn Vayo avrebbe dovuto già rilanciare, perché altrimenti al river si sarebbe fatto battere da tutti i bluff in caso di scala mancata.

Piuttosto Vayo potrebbe avere facilmente A-3 o 3-6s. Con mani del genere avrebbe sicuramente potuto preparare la trappola contro un giocatore aggressivo come Nguyen. Più difficilmente Vayo può avere set“.

Vayo prepara le chis per il call, poi si ferma. Infine chiama. Nguyen mostra la sua mano vincente, Vayo sorride e si avvicina alla sconfitta…

Polk commenta così: “Vayo può pensare di chiamare per battere un bluff con mani tipo Q-10 o Q-9. Però dovrebbe chiedersi con quali mani folderebbe…

Non è mai una buona cosa ritrovarsi a chiamare con tutto solo per battere un bluff. Sarebbe meglio smascherare un bluff con una mano abbastanza forte come una middle pair o una top pair.

L’unica mano più forte di una coppia che può avere Nugyen è J-8, improbabile. Quindi Vayo dovrebbe davvero considerare il raise, in particolare l’all-in per mettere la massima pressione.

Se vuoi vincere un heads-up, devi mettere pressione al tuo avversario quando pensi che non abbia una mano molto forte.

Ovviamente c’è qualche doppia o qualche scala che Nguyen può aver cercato di nascondere, ma in un heads-up non bisogna avere mai eccessiva paura“.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari