Friday, Aug. 12, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 31 Mag 2014

|

 

WSOP 2014: Brandon Shack-Harris vince il $1,000 Pot-Limit Omaha

WSOP 2014: Brandon Shack-Harris vince il $1,000 Pot-Limit Omaha

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Nella nottata di ieri, oltre a quello dell’ evento 2, Mixed Max No Limit Hold’em da $25,000 che ha registrato il trionfo di Vanessa Selbst, si giocava il tavolo finale dell’evento 3 Pot-Limit Omaha da $1,000.

L’atto conclusivo dell’evento ripartiva da 5 left: a trionfare e portarsi a casa braccialetto e prima moneta da $205,634 è stato Brandon Shack-Harris.

Lo statunitense partiva secondo in chips dietro il favoritissimo doppio braccialettato Steve ‘MrSmokey1’ Billirakis che s’è invece dovuto fermare solo al 4° posto, eliminato proprio dallo stesso Shack-Harris.

Prima di lui erano usciti Matthew Ryan e Robert Paddock, rispettivamente in 5° e in 6° posizione. Runner up di giornata Morgan Popham che, dopo aver quasi eliminato Iori Yogo, lasciandolo con meno di un buio (il giapponese uscirà poi in terza posizione), deve arrendersi dinanzi allo stack di Shack-Harris superiore di quasi 5:1.

Dopo un’ora esatta di heads up, la mano che decreta la fine dei giochi vede Popham con A A 10 5 e Shack-Harris con A K K 5 . Il board  8 6 Q J 10 è spietato e per Pophan non c’è nulla da fare. Payout dell’evento:

Screenshot 2014-05-31 13.56.31

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Nell’evento 4 No-Limit Hold’em da $1,000 partivano in 186 e sono rimasti soltanto in 12 a giocarsi la prima moneta da $360,435.

Da segnalare la bella prova di Robert Kuhn che ha macinato chips eliminando players uno dopo l’altro. Il chipleader di giornata è però Kyle Cartwright che imbusta 973,000 chips, tallonato da Daniel Dizenzo con 912,000.

Di questo day2, il più atteso era certamente Mark Radoja che provava a fare il tris di braccialetti dopo quelli nel $5,000 Shootout del 2013 e nel $10,000 No Limit Hold’em Heads-Up nel 2011, ma si è dovuto arrendere in 29° posizione.

Stessa sorte per il chipleader di inizio giornata Alan Clunie, che ha lasciato il torneo al 146° posto, mentre Scott Baumstein è finito al 56°.

L’unico che si è confermato, migliorando, anzi, la sua classifica è stato Jeremy Dresch che dalla nona posizione di inizio day2 partirà nel day3 dalla quarta piazza con uno stack di 672,000 chips. Ecco il chipcount di fine giornata:

Screenshot 2014-05-31 14.36.53

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari