Sunday, Oct. 24, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 13 Mar 2014

|

 

“La tassazione italiana sulle vincite è illegittima” La Commissione Europea stronca l’Operazione All-In

“La tassazione italiana sulle vincite è illegittima” La Commissione Europea stronca l’Operazione All-In

Area

Vuoi approfondire?

La Commissione Europa ha riconosciuto come illegittima la tassazione italiana sulle vincite in case da gioco di Stati europei.

Un parere netto, che non si presta a interpretazioni di sorta. Parole dure:

“L’articolo 56 del TFUE (Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, ndr) è contrario a una legislazione come quella italiana, che assoggetti a imposte sul reddito le vincite conseguite in case da gioco di altri Stati membri, e che al contrario non assoggetti alla stessa imposta le vincite conseguite nelle case da gioco italiane.

Il giudizio dell’Organismo comunitario è arrivato su richiesta della Corte di Giustizia Europea, che dovrà pronunciarsi su una causa intentata da due giocatori italiani, cui il nostro Fisco ha chiesto il pagamento di 550.000€ tra presunte imposte evase, interessi e sanzioni,  per vincite non dichiarate in Casinò di Stati europei.

La Commissione Tributaria Provinciale di Roma, che aveva ricevuto l’istanza dei due poker pro, ha chiesto un pronunciamento dell’Europa per chiedere se sussistessero motivi di ordine pubblico, sicurezza e salute pubblica che avrebbero permesso di derogare al principio della libera prestazione di servizi all’interno dell’Unione Europea, garantita dall’articolo 56 TFUE.

La Commissione Europea ha però ritenuto inconsistenti tali motivi, riconoscendo come illegale l’imposizione dello Stato Italiano in case da gioco estere. Se la Corte farà sua questa posizione, di fatto sarà la fine della tanto discussa “operazione All-in, condotta dalla Guardia di Finanza per recuperare vincite non dichiarate in Casinò stranieri: le cartelle inoltrate a più di 150 giocatori, infatti, decadrebbero di validità con una sentenza così pesante.

Per l’avvocato Massimiliano Rosa e il dottor  Sebastiano Cristaldi, difensori dei due giocatori di poker nella causa contro il Fisco Italiano, il parere della Commissione riconosce la fallacia del nostro Stato:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“L’Italia non solo ha calpestato scientemente il diritto comunitario, ma ha addirittura l’ardire di sostenere che lo fa per tutelare la salute e la sicurezza pubblica, affermando indirettamente che solo il “nostro gioco” è sicuro e pulito, mentre quello degli altri Stati membri dell’Unione è fonte di pericoli e di illegalità, in colossale antitesi alla crescita esponenziale dell’offerta pubblica di gioco nell’ultimo ventennio, al devastante livello di infiltrazioni criminali che ammorbano il settore e al mostruoso incremento delle patologie legate al gioco di Stato”

Per Rosa e Cristaldi il parere della Commissione è sicuramente importante, ma preferiscono andare coi piedi di piombo quando gli si chiede se sia risolutivo:

“Quando la principale Istituzione comunitaria assume una posizione così perentoria non si può negare un certo ottimismo. Tuttavia è opportuno mantenere una certa cautela, perché il parere della Commissione non è vincolante e la Corte di Giustizia Europea potrebbe anche pronunciarsi diversamente”.

Il pronunciamento dell’Istituzione europea con sede in Lussemburgo dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno con sentenza. Se invece la Corte dovesse procedere per ordinanza i tempi si accorcerebbero notevolmente, ma questa strada potrà essere intrapresa solo a fronte di precedenti giurisprudenziali chiari e conformi.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari