Monday, Jun. 24, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 26 Ago 2015

|

 

Punti di vista MTT – Si possono foldare i Kappa preflop al final table di un torneo?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Punti di vista MTT – Si possono foldare i Kappa preflop al final table di un torneo?

Area

Vuoi approfondire?

Eccoci nuovamente  al nostro appuntamento estivo con la rubrica “Punti di vista

Dopo aver preso in esame la curiosa giocata del pro di PokerStars Jason Sommerville, aver discusso di uno spot giocato nel corso del torneo più apprezzato dagli amatori, il Sunday Challange, ed esserci chiesti come giocare giocare le Dame dopo due limp, un raise e un call eccoci di fronte ad una nuova situazione di gioco.

La mano in questione è stata giocata da Simone ‘Spera91’ Speranza, nel corso del final table di un torneo Full KO da 20€ su PokerStars, con sette player rimasti in gioco.

L’azione si svolge esclusivamente nella fase preflop e vede il grinder milanese protagonista di un fold epico a seguito di una mossa ‘super-strong’ da parte dell’avversario coinvolto nel colpo.

Ai blind 800/1600 ‘Spera91’ si trova in posizione di BB con K K e con 47.688 chip.

Il giocatore in posizione di utg, nonché chipleader al tavolo con 152.069 gettoni, apre a 3.200 e dopo il fold generale fino al bottone la parola passa allo SB che 3-betta 7.000.

Simone non ci pensa su due volte e cold 4-betta il suo raise mettendo sul piatto 14.100 chip, l’original raiser passa e un po’ a sorpresa lo SB  click 5-betta fino a 26.700 lasciandosi dietro soltanto 25.790 chip.

A questo punto ‘Spera91’ si trova di fronte ad un bivio ma in men che non si dica opta per il fold…ecco il suo thinking process:

“Premetto che come d’abitudine vado a ricercare delle informazioni sui miei avversarsi quando arrivo al final table, dato che questo avviene nella maggior parte dei casi a fine sessione quando ho pochi tavoli aperti e quindi più tempo per prestare attenzione ai dettagli. Certo, magari contro i reg che incontro abitualmente non ne ho bisogno, ma contro questo avversario è stato necessario perché non avevo una grande history ai tavoli. Nello specifico si trattava di un regular piuttosto nitty, che giocava ad abi basso e non aveva accumulato risultati straordinari in carriera. Prima di questo final table le stats su HM mostravano una 3-bet pari a  3,5, quindi uno che difficilmente si sarebbe potuto inventare qualcosa. C’è da dire che nelle mani precedenti stava aggredendo abbastanza il tavolo ma sempre in situazioni piuttosto prevedibili, che so bottone contro cut-off, blind contro late-position e via dicendo. Avendo questo tipo di informazioni, secondo me lui non era un giocatore in grado di fare quel click in uno spot così strong, per giunta al final table, se non con Asso Asso. Nella chat ha successivamente dichiarato di aver avuto A-10: io gli ho chiesto di ‘boomare’ la mano ma lui ha rifiutato e penso che se me l’avesse combinata davvero con A-10 non avrebbe perso l’occasione per farlo. Il mio plan originale era ovviamente quello di brokare, non mi è nemmeno passato per la testa di passare prima del suo click. Quando lui poi ha clickato, ‘face-uppando’ la sua mano io ho foldato all’istante: nel senso, non stiamo parlando di un top reg che può fare un’azione simile per ‘over-rappare’ la sua mano, ero proprio certo al 100% che avesse gli Assi, anche perché la situazione al tavolo era piuttosto tranquilla, con due reg medi e qualche fish.

E ora spazio ai nostri osservatori per il loro ‘punto di vista’:

Andrea Carini

Nell’analisi della mano vanno considerati tanti fattori, a cominciare dal buy-in (il fatto che sia un torneo KO da 20€ è indicativo) passando per il flow del game e l’edge sul resto del field, senza dimenticare la nostra immagine percepita al tavolo. In generale il discorso di Spera non fa una grinza: già un opponent che 3-betta da utg ha un range abbastanza chiuso, se poi aggiungiamo che dopo la nostra cold 4-bet il suo range si restringe ulteriormente, quando 5-betta con buona approssimazione ha veramente KK+. Il problema qua forse è un altro, ovvero se oppo fosse un professionista bravo sarebbe normale fare un discorso simile, ma tante volte è davvero impossibile entrare nella testa di un avversario random, dal momento che potrebbe semplicemente non essere in grado di leggere la situazione nel migliore dei modi finendo quindi per overplayare tante mani senza accorgersi di trasformarle in bluff, come ad esempio Q-Q o A-K. Potrebbe addirittura pensare qualcosa come ‘non mi faccio mettere i piedi in testa con Q-Q dal primo che passa‘…ora, non so che immagine avesse avuto Spera fino a quel momento agli occhi degli avversari, ma io qua non so se sarei mai riuscito a foldare. Probabilmente sarebbe stato il classico ‘Fold in a forum and shove in game’: insomma, contro un reg tight si può anche foldare, contro un giocatore random alla lunga penso si perdano più soldi foldando K-K pre dato che non si ha mai una stima precisa del suo range. 

Luigi 'IlGiuglia' D'Alterio

Sinceramente ho passato K-K preflop su action meno strong di questa, ma sapendo che oppo non ha range di bluff e il resto del valore (eccetto gli assi) tende a flattarlo il fold ci può stare. Qui ovviamente Spera 4-betta per brokare, ma questa 5-bet è davvero strong poiché non ci vedo range di bluff, e salvo aver overplayato Q-Q o A-K (con le quali probabilmente andrebbe ai resti preflop) ha davvero sempre K-K o A-A che tende a clickare … Insomma, dando per scontato che sullo shove Spera avrebbe molto probabilmente callato, su questo click anche dopo aver investito 1/4 stack con i K condivido quasi la sua scelta, dato che molto ma molto spesso l’avversario girerà i pini…

Enrico 'Camosh' Camosci

Premessa: in game probabilmente lo considero un cooler e non foldo quasi mai. Detto ciò penso che si tratti di un buon fold. Siamo ad un final table e molto raramente penso che oppo 5-betti con A-K o Q-Q in questo modo, infatti credo proprio che con mani simili shoverebbe direttamente preflop. Calcolando pure le pot odds dovremmo avere il 34% di equity per fare break-even. Questo significa che se gioca in questo modo A-A, K-K e un terzo delle volte Q-Q faremmo poco più che even. Essendo però ad un final table vi sono implicazioni ICM sul calcolo della mano che vanno tenute in considerazione e dubito che l’avversario giochi abbastanza spesso mani diverse da Asso Asso in questo modo! 

Alessandro 'Giuda90' Borsa

Mi ricordo di questa mano perché ne avevo già discusso con Simone. Si tratta semplicemente di uno spot dove puoi foldare solo prendendo in considerazione elementi come il timing di click 5-bet, la percezione che si ha dell’avversario e il flow della partita. Senza questi elementi è quasi scontato dire che si brokerà sempre

Rino Fusco

E’ uno spot giocato in maniera ottimale da chi sa quello che sta facendo, avendo una certa sensibilità del flow e delle informazioni che fornisce Holdem Manager. La size adottata dall’opponent è ‘fantastrong’ e ‘face-uppa’ la sua mano: ovviamente è un fold che fa solamente chi sta giocando il suo A-game. Una linea alternativa potrebbe essere 4-bet shovare direttamente per farsi chiamare da quella parte del range che avrebbe potuto foldare di fronte ad una cold 4-bet, come A-Q, T-T, J-J che se pushiamo diretti un giocatore occasionale non passerà mai, mentre con la 4-bet possiamo metterlo maggiormente in difficoltà. In game contro un avversario così tight avrei shovato, mentre contro uno più loose avrei 4-bettato per chiamare lo shove.

Gabriele 'Galb' Lepore

Salvo rarissimi casi, come ad esempio una situazione nella quale sia io che l’opponent in questione abbiamo uno stack molto profondo mentre gli altri player rimasti si trovano con una decina di blind, non mi piace foldare questo spot

Volete sapere com’è andato a finire il torneo? Parola nuovamente a ‘Spera91’:

Per la cronaca due mani dopo ha provato a fare la stessa move con 7 – 7 cercando di giustificarla con quella che aveva fatto prima, come per dire che non doveva avere per forza gli Assi per farla. Sta di fatto che io avevo 9 – 9, siamo finiti ai resti e ha bustato in questo modo, consentendomi di fare un double-up decisivo che mi ha permesso successivamente di vincere”

E voi cosa ne pensate di questa mano? Scriveteci le vostre impressioni sulla nostra Fanpage!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari