Wednesday, Oct. 21, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 30 Ago 2014

|

 

Cash game analysis – Una mano giocata da Actaru5

Cash game analysis – Una mano giocata da Actaru5

Area

Vuoi approfondire?

Nella nostra nuova rubrica “Cash Game analysis” proveremo ad analizzare dettagliatamente alcuni spot di cash game, partendo da quelli più standard sino ad arrivare a quelli più complessi.

Quest’oggi abbiamo deciso di andare a guardare con la lente d’ingrandimento una mano giocata dal Team Pro Online di PokerStars, “Actaru5“.

Siamo in un tavolo ZOOM NL100 (0.50€/1.€) 6 max, livello grindato abitualmente dal “pluri-Supernova Elite”, che si trova al tavolo con 100 big blind (100€).

Dopo il fold dell’UTG, Hijack (che gioca per 77€) apre a 3€. “Actaru5” chiama in posizione con K10 mentre il resto del tavolo passa. Questa prima scelta presa dal “grinder mascherato” è sicuramente la più standard del caso: una mano con K – 10 suited ha infatti un’ottima board equity e siamo sempre molto contenti di guardarci il flop in posizione con una starting hand di questo tipo. Tribettare per poi trovarsi di fronte un eventuale 4-bet ci costringerebbe a foldare una mano di valore. E non è affatto quel che vogliamo. Consideriamo sempre che siamo in un tavolo ZOOM quindi i range di apertura sono sicuramente più stretti rispetto ad un tavolo classico.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il flop recita 678 e l’original raiser c-betta circa half pof: 3,54€ su 7.09€. Anche se all’apparenza potrebbe sembrare un flop che non ci aiuta, in realtà è uno dei più interessanti che possa scendere: abbiamo infatti due over cards, un gutshot e un backdoor flush a quadri. Il call diventa dunque altrettanto standard quanto quello pre-flop. Oltretutto un flop del genere potrebbe aver aiutato molto più il range del flatter che dell’original raiser che potrebbe già giveuppare turn qualora non avesse hittato nulla.

Il turn è un J che apre flush draw. Nonostante il nostro call pre-flop e al flop, l’oppo di “Actaru5” non si scoraggia e spara la seconda barrell a 13.78€. Pot. Cosa fare a questo punto? Anche in questo caso la scelta di “Actaru5” è sicuramente la più corretta se consideriamo soprattutto lo stack del nostro avversario che resta con soli 57€ dietro. Se “Actaru5” decidesse di rilanciare non potrebbe più passare sull’all-in avversario. Vero: potrebbe far passare diverse mani, ma una bet così strong non pare affatto rappresentare debolezza. Quindi, anche se flush draw + gutshot ci “ingolosiscono”, la scelta migliore è nuovamente rappresentata da un call.

Il river è una delle carte più belle per il Team Pro Online: il 9 chiude infatti il progetto di scala. Sulla puntata (scriteriata!) di oppo a 39.83€ (ancora pot!), Actaru5 va all-in e l’avversario decide di mettere gli ultimi 17.57€ con KK che è costretto a gettare nel muck.

A prescindere dall’evidente errore di oppo, che river dovrebbe sempre check/foldare, notiamo come la scelta al turn si sia effettivamente rivelata azzeccata: un avversario del genere non avrebbe mai passato su un eventuale rilancio e se si fosse arrivati allo showdown, “Actaru5” avrebbe giocato solamente al 25% (12 outs) rischiando di perdere 3/4 della posta iniziale qualora non avesse hittato il river.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari