Wednesday, Oct. 21, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 13 Set 2014

|

 

Cash game analysis – Una mano giocata da Luca “PervisPaske” Paschetta

Cash game analysis – Una mano giocata da Luca “PervisPaske” Paschetta

Area

Vuoi approfondire?

Dopo aver analizzato una mano giocata dal Team Pro Online di PokerStars, “Actaru5”, per la nostra nuova rubrica “Cash Game Analysis“, abbiamo selezionato quest’oggi uno spot che vede protagonista Luca “PervisPaske” Paschetta, il Supernova Elite vincitore, proprio ieri, della Mega Milestone di PokerStars.

Anche questa volta siamo in un tavolo NL100 (0.50€/1€) ZOOM di PokerStars. “PervisPaske” è seduto con 105€ e in questo colpo è impegnato in una guerra di bui…

Sull’apertura dello small blind a 3€, Luca decide di difendere il suo Q9, mano che ha una buona board equity ed è sempre contenta di gustarsi il flop in posizione.

Il flop è K93. Small blind c-betta 3.50€ e Luca chiama. E fin qui tutto standard: abbiamo preso la seconda coppia, spesso siamo avanti e continueremo a gestire il colpo in posizione. Rilanciare è piuttosto inutile: faremmo foldare le mani che già battiamo e non riusciremmo ad estrapolare più alcun valore. Allo stesso tempo potremmo anche essere dietro, quindi, qualora optassimo per un raise, potremmo metterci in difficoltà da soli qualora il nostro avversario chiamasse o soprattutto rilanciasse ulteriormente.

Il turn è un 10 e small blind second barrella 8.60€ (circa 2/3 pot), dimostrando, a questo punto, discreta forza. Cosa fare in questa situazione? Il call è sicuramente un’opzione: abbiamo sempre la nostra coppia di 9 più un gutshot. Il fold, per quanto nitty, è allo stesso tempo una scelta valida: qualora chiamassimo qui e scendesse un blank al river sarebbe corretto chiamare anche in ultima strada, restando coerenti con la linea tenuta sinora. Dunque, per evitare di infilarsi in situazioni complicate, meglio passare subito.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

E il raise? Ecco la differenza tra un giocatore comune e un Supernova Elite. A ben pensarci il raise è una scelta veramente interessante. Raisando su una second barrell del genere dimostriamo, spessissimo, un punto davvero forte: K-10; 9-10 e Q-J sono mani che potremmo realmente avere e che avremmo giocato allo stesso modo fino a questo punto. Rilanciando, trasformiamo (consapevolmente!) la nostra mano in bluff cercando di rappresentare un punto ben più forte di quel che abbiamo e far passare la mano migliore al nostro avversario avendo comunque un paracadute (J al river) che potrebbe regalarci un’illeggibile scala.

Nonostante tutto, oppo non si arrende e chiama i 23€ di rilancio. In questo spot, quando il nostro avversario chiama turn, ha molto spesso un K e ogni tanto un 10. Difficile ipotizzare possa essere in draw. Il call rappresenta spesso un punto fatto (che ha magari la possibilità di migliorare al river: pensiamo a mani come K-Q; K-J; 10-J; 10-Q).

Il river è un 7 che chiude un ipotetica scala 8-J, ma sostanzialmente non sposta eccessivamente gli equilibri del colpo. Small blind checka e a questo punto PervisPaske, coerente con quanto rappresentato turn e consapevole che lo show down value in questo caso raramente basterebbe decide di andare all-in, overpottando 75€ su 56€.

Oppo passa. E per quanto detto in precedenza, non è affatto difficile pensare che possa aver foldato la mano migliore… Nice hand “Pervis Paske”!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari