Tuesday, Oct. 15, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 8 Lug 2015

|

 

GPI Italia 2015 – Sammartino in vetta alla classifica POY e settimo al mondo, Kanit e Pescatori sul podio

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

GPI Italia 2015 – Sammartino in vetta alla classifica POY e settimo al mondo, Kanit e Pescatori sul podio

Area

Sono passati tre mesi dall’ultimo aggiornamento e la classifica provvisoria del Player Of the Year Italia è stata letteralmente stravolta.

Ad esempio Giuliano Bendinelli, primo a fine marzo, è stato superato da ben 6 giocatori a iniziare da Dario ‘MadGenius’ Sammartino, che trova l’ennesima conferma della sua caratura di prestigio.

Oltre ai punti ottenuti a Malta e Deauville nel primo trimestre, il napoletano ha avuto il suo periodo d’oro all’EPT di Montecarlo, in cui ha ottenuto un 17° posto al Main Event e due final table in altrettanti High Roller, che da soli gli sono valsi ben 1.138,99 punti.

Anche queste World Series non sono state da meno per il primo della classe, che ha ottenuto un 4° e un 6° posto (come a Montecarlo) a due tornei da $5.000 e $10.000 di buy-in, più un 204° posto al $1.111 Little One for One Drop.

Assieme ai punti precedentemente guadagnati, questi risultati portano il campione partenopeo a quota 2.508,12, punti, al settimo posto nella glassifica GPI mondiale.

Al secondo posto della classifica italiana Mustapha Kanit, stabile rispetto al primo trimestre. Musta ha accompagnato a braccetto Dario a Montecarlo ed ha shippato un High Roller da $50.000, al quale si somma un 26° posto al Main Event EPT. Prestazione meno decisa alle World Series, dove Kanit ha ottenuto un 20° posto a un evento turbo da $5.000 di buy-in, che porta il suo punteggio a 1.975,49.

Con due braccialetti nuovi di zecca, impossibile non trovare ‘The Italian Pirate’ in top 3 nella classifica POY Italia, ed ecco che Max Pescatori con tre tavoli finali tra WPTN Venezia e Tilt Cup, e 7 risultati WSOP di cui due vittorie, si lancia in una classifica nella quale tre mesi fa non compariva, e lo fa atterrando direttamente al terzo posto con 1.678,34.

Un ottimo ingresso in scena anche per Nicola D’Anselmo, che fino a tre mesi fa non compariva in top ten ed ora si accomoda al quarto posto subito fuori dal podio, grazie a 12 ITM tra EPT di Deauville, Malta e Monaco, IPO e Only The Barracudas di Campione, con un final table all’High Roller di Malta e un quarto posto al Turbo 8-handed di Montecarlo come risultati di spicco: 1.545,83 punti per lui.

Perde una posizione Filippo Lazzaretto, al quinto posto grazie a tre risultati di cui due tavoli finali all’EPT Grand Final di Montecarlo e un quarto posto all’High Roller da €2.200 del WPT National di Cannes che hanno alzato il suo punteggio fino a 1.369,56.

Scende invece di tre posizioni Carlo Savinelli, che in questo esce dal podio provvisorio e si accomoda al sesto posto con 1.331,04 punti, grazie a tre piazzamenti in tre eventi da $1.500 delle WSOP in corso.

Il crollo più sonoro è però quello di Giuliano Bendinelli, che da primo in classifica scende al settimo posto, avendo trovato anch’egli solo tre risultati in questi tre mesi: due bandierine alle WSOP ed una al WPT500 dell’Aria Casino, che portano il suo punteggio attuale a 1.318,60.

Sale invece all’ottavo posto Giacomo Fundarò, che somma 573,37 punti ai precedenti 533,41, con un undicesimo posto ad un €2.200 dell’EPT Grand Final Montecarlo, un 12° posto al Main Event WPTN Amsterdam da €3.300 ed un 24° posto all’evento #4, Shootout NLHE da $3.000 delle World Series Of Poker.

Penultimo gradino della top ten per Stefano Terziani, che ha collezionato un 6° posto al Midnight Hyperturbo da €550 dell’EPT Grand Final Montecarlo, un 8° posto al $1.500 50/50 Draft Kings delle WSOP e un 207° al Little One for One Drop da $1.111, per un totale di 916,98 punti.

A chiudere la classifica uno dei fiori all’occhiello del poker italiano, Rocco ‘RoccoGE’ Palubo, che si è unito all’exploit azzurro all’EPT Grand Final Montecarlo, ottenendo la vittoria all’Escalator 8-handed da €3.250, un secondo posto il giorno successivo al €2,150 turbo 8-handed e un 23° posto all’evento #54 NLHE da €1.100. Per lui anche un 15° posto al Lucky Sevens da $777 delle WSOP, nelle quali ha piazzato una bandierina (98° posto) anche al $1.111 Little One for One Drop.

 

poy 2015 italia

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari